amministrazione di sostegno cosa e come funziona

L'amministrazione di sostegno è l'istituto applicato per la tutela di soggetti con patologie che li rendono, in via temporanea o permanente, invalidi (parzialmente o totalmente) e non in grado di badare a se stessi e ai loro interessi, anche patrimoniali: anziani, disabili fisici o psichici, malati gravi e terminali, persone colpite da ictus, soggetti dediti al gioco d'azzardo, ecc.


E' pertanto un istituto che mira a proteggere le persone che, per infermità' o menomazioni fisiche o psichiche, anche parziali o temporanee, hanno una ridotta autonomia nella loro vita quotidiana. Alle persone disabili, quindi, sono riconosciute delle misure di protezione flessibili, adattabili nel tempo alle diverse e svariate esigenze, in modo tale da consentire una protezione del soggetto debole, senza mai giungere ad una totale esclusione della sua capacità' di agire.


L'amministratore di sostegno è nominato dal Giudice Tutelare ed è scelto preferibilmente nello stesso ambito familiare dell'assistito, secondo requisiti d'idoneità' ritenuti dallo stesso Giudice.
Può' essere nominato amministratore di sostegno: il coniuge (o la persona stabilmente convivente), il padre, la madre, il figlio, il fratello o la sorella ed i parenti entro il quarto grado. Sono questi, infatti, i soggetti legittimati ad agire, oppure (comunque) quelli che devono essere informati della pendenza del ricorso presentato dinanzi al Giudice. Qualora tale scelta non sia possibile, per motivi di opportunità o altro, l'amministratore è nominato tenuto conto dell'esclusivo interesse del beneficiario.

 

SPORTELLO_AMMINISTRATORE_DI_SOSTEGNO.pdf

PagoPA Linea amica Piano emergenza intercomunale PROGRAMMA NUOVI PROGETTI DI INTERVENTO REALIZZAZIONE NUOVE INFRASTRUTTURE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA STRADALE Piano di zona Pari opportunità SUE ecomuseo 
torna all'inizio del contenuto